Novità Tesoro di San Gennaro

Novità Tesoro di San Gennaro

Novità Tesoro di San Gennaro. Una mostra del Tesoro di San Gennaro – che si dice rivaleggia con i gioielli della corona britannica – è stata riprogettata per essere più accessibile ai visitatori non vedenti.

Il Tesoro di San Gennaro – che comprende una collezione di circa 20.000 pezzi di inestimabile valore, raccolti nel corso dei secoli attraverso doni, donazioni e offerte – è stato custodito nel Duomo di Napoli per quasi 500 anni.

Ora è una delle collezioni più ricche al mondo e una delle più accessibili alle persone con disabilità con guide che spiegano i pezzi in braille.

La mitra vescovile è uno dei pezzi più preziosi della collezione. Pesa 18 kg ed è decorato con quasi quattromila pietre preziose. La sua riproduzione 3D permette ai visitatori di toccare la mitra per apprezzarne appieno la bellezza.

“Per noi l’accesso all’arte significa autonomia, significa libertà, significa uguaglianza – dice Pietro Piscitelli, presidente dell’Unione ciechi campani. L’immagine tridimensionale della mitra ci permette di capire cosa significa conoscere questa mitra”.

L’imperatore francese Napoleone Bonaparte

La collana San Gennaro è uno degli altri pezzi eccezionali della collezione. Fu creato nel 1679 da gioielli donati da molte teste coronate d’Europa, tra cui l’imperatore francese Napoleone Bonaparte.

Ora, accanto alla vera collana, c’è un’incisione sul muro che permette alle persone di sentirne la forma.

“Vogliamo trasmettere a un non vedente la sensazione di quanto l’anello sporge dal grande smeraldo e dalle altre pietre preziose – spiega Francesca Ummarino, direttrice del Museo del Tesoro di San Gennaro -. E qui sotto abbiamo le descrizioni numerate di tutte le donazioni al Santo, in lingua standard e braille.

“Prima di tutto sento il contorno della pisside, che mi dice la sua forma, cioè la forma di un calice con un coperchio dove vengono conservate le ostie. Poi sento tutta la decorazione: il pizzo che l’artista ha realizzato con le pietre preziose. “

Pubblicato da Eva Cristina tourguide

Giornalista e Guida Turistica Abilitata dalla Regione Campania

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Philip Colbert al MANN di Napoli

Philip Colbert al MANN di Napoli

Philip Colbert, conosciuto come l'erede di Andy Warhol, torna a Napoli dopo aver incantato la città con “The Lobster Empire” in Largo San Martino. Questa volta, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN) ospita il suo progetto “La Casa dell’Aragosta”, in...

leggi tutto
InCanto Napoletano

InCanto Napoletano

InCanto Napoletano è un concerto ed è uno spettacolo con degustazione. Obiettivo: illustrare e rendere partecipe il turista e lo spettatore in genere della tradizione partenopea che parte dal 1700 e che arriva fino al 1900. E' uno spettacolo sulla 𝗖𝗮𝗻𝘇𝗼𝗻𝗲 𝗡𝗮𝗽𝗼𝗹𝗲𝘁𝗮𝗻𝗮...

leggi tutto
I papiri di Ercolano

I papiri di Ercolano

I papiri di Ercolano sono una raccolta di antichi manoscritti scoperti nel sito di Ercolano, l'antica città romana vicino all'odierna Napoli, in Italia. Ercolano, insieme a Pompei, fu distrutta e sepolta dall'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. L'eruzione preservò e...

leggi tutto